San Bartolomeo

Le origini della chiesa di San Bartolomeo in Albino risalgono al XIV secolo: nel 1336 frate Andrea Fornari chiedeva al vescovo di Bergamo Cipriano degli Alessandri il permesso di costruire un edificio intitolato al Santo.
Nel 1463 la cura della chiesa e delle sue pertinenze (comprendenti anche un ospedale) passava al Consorzio della Misericordia di Albino che procedeva all’abbattimento dell’antico edificio per ricostruirlo ampliato.

San Bartolomeo

L’edificio ha ancora le caratteristiche di una chiesa gotica ad aula unica, con una facciata a spioventi, un rosone in asse con il colmo del tetto e leggermente decentrato rispetto al portale maggiore, finestre alte e strombate. All’interno 3 archi a tutto sesto delimitano le 4 campate in cui lo spazio risulta suddiviso.

San Bartolomeo

L’edificio è collocato nell’antico centro storico di Albino: il lato su via Vittorio Veneto si affaccia su quella che era l’antica piazza, oggi piazza S. Giuliano, dove erano collocate importanti funzioni sia civili che religiose. Qui si trovava la sede del comune medioevale e della Misericordia.